ottobre 16, 2019

ASRM Congress 2019: presentati gli ultimi progressi in Fecondazione Assistita

Si è concluso il 75° Congresso dell’American Society for Assisted Reproduction (ASRM), un incontro in cui centinaia di professionisti nel campo della riproduzione si sono riuniti per condividere gli ultimi progressi nella medicina riproduttiva.

Noi di IVI abbiamo presentato due importanti studi, che ci avvicinano sempre di più all’obiettivo che perseguiamo da quasi 30 anni: portare una gravidanza a termine e permettere la nascita di bambini sani.

Oggi sappiamo, grazie al lavoro condotto dal Dr. Paul Pirtea, IVI Fellow del New Jersey, che le donne e le coppie che ottengono 3 embrioni normali nel loro trattamento di fecondazione in vitro hanno una probabilità del 95% di ottenere una gravidanza.

“Questi risultati mostrano qualcosa in cui credevamo anni fa, e cioè che gli embrioni aneuploidi o anormali a livello cromosomico con alterazioni cromosomiche siano la causa principale del fallimento ricorrente dell’impianto e, quindi, del fallimento quando si tratta di portare a termine una gravidanza. I miglioramenti nei tassi di fecondazione in vitro grazie ai test preimpianto come il PGT-A consentono di affinare al massimo la selezione embrionale, riducendo gestazioni multiple e aumentando allo stesso tempo le possibilità di impianto, e di portare a termine una gravidanza con la nascita di un neonato in buona salute ”, commenta il Dott. Juan Antonio García Velasco, direttore di IVI Madrid.

Il Test PGT-A, l’opzione ideale per il buon esito della gravidanza

Un altro degli studi presentati a questo congresso, guidato dalla Dott.ssa Ashley Tiegs, Fellow IVI nel New Jersey, si riferisce all’uso di test genetici preimpianto, come il PGT-A, che aiutano a identificare gli embrioni con anomalie. Nella maggior parte dei casi, questi embrioni porterebbero a aborti o al fallimento dell’impianto.

Lo studio mostra come dei 285 trasferimenti di embrioni, tutti analizzati dal test di preimpianto PGT-A per il rilevamento dell’aneuploidia, dei 50 embrioni sottoposti a biopsia con risultati di anomalia, nessuno di questi abbia portato a termine una gravidanza.

“A ciò si aggiunge il fatto che i tassi di impianto erano equivalenti per gli embrioni biopsiati e non biopsiati, il che indica che la biopsia embrionale non danneggia gli embrioni né influenza negativamente i loro tassi di impianto”, spiega il dott. García Velasco.

L’affidabilità di questo lavoro si basa sul fatto che si tratta di uno studio in cieco, cioè che né i medici né le donne che hanno preso parte allo studio conoscevano il risultato del test eseguito sugli embrioni prima che fossero trasferiti.

La ricerca è ancora in una fase molto sperimentale, ma si prevede che verrà analizzato un campione di embrioni sempre più ampio, diventando così l’unica ricerca su larga scala sul valore predittivo della diagnosi di aneuploidia condotta finora. Ciò contribuirà a far luce sul dibattito scientifico in merito all’affidabilità dei test genetici.

“I pazienti devono continuare ad avere fiducia nel test preimpianto come PGT-A e sapere che, nel momento in cui un embrione viene etichettato come anormale e non trasferito, tale embrione non è stato escluso per errore. PGT-A offre dati rigorosi e affidabili e consente ai pazienti di risparmiare tempo, denaro e stress emotivo, offrendo loro fiducia nel trasferimento di embrioni normali, con un’alta probabilità di dare alla luce un bambino sano ”, conclude il dott. García Velasco.

Il PGT-A è uno dei test che ha portato a grandi miglioramenti nella fecondazione in vitro, aumentando di conseguenza i tassi di trasferimento di singoli embrioni (SET) e migliorando significativamente i risultati di questi. Il SET, d’altra parte, ha reso possibile una significativa riduzione dei rischi associati alle gravidanze e alle nascite multiple, permettendo così di equiparare il peso alla nascita tra i bambini nati con fecondazione in vitro e quelli concepiti naturalmente.

Dati IVI nell’ASRM

L’ASRM Scientific Congress & Expo è il più grande congresso americano di riproduzione assistita che ospita, ogni anno, i più importanti specialisti di pma per dare forma al futuro del settore.

In questa edizione, IVI ha presentato 66 lavori:

– il 9% delle presentazioni orali totali dell’ASRM proveniva da IVI

– 33 poster (che rappresentano il 4% del totale dei poster visualizzati)

– 3 premi per scienziati in formazione

– 1 presentazione nella sezione nominati al premio generale del congresso

– 1 video

Richiedi senza impegno maggiori informazioni:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli in primo piano

novembre 4, 2019
Cos’è l’iperemesi e come trattarla

ottobre 29, 2019
Le iniezioni per la FIV

ottobre 23, 2019
Che cos’è la PMA?

ottobre 19, 2019
Cancro al seno, diventare mamma si può!
Torna all'inizioarrow_drop_up