febbraio 23, 2018

Sterilità maschile. Dubbi e soluzioni.

Che cosa si intende per sterilità negli uomini?

La sterilità è l’incapacità di concepire, di cui può soffrire un individuo o una coppia.

Anche se spesso si afferma erroneamente che nella coppia essa derivi da un problema femminile, in realtà circa un 30% è causata da problemi maschili, per il restante 30% da cause femminili, un altro 20% per cause miste o combinate in cui entrambi i membri della coppia sono responsabili e il restante 20% per cause inspiegabili o non identificabili.

Quali possono essere le cause di sterilità maschile?

Tra le cause di sterilità di origine maschile, ci possono essere sono le alterazioni nell’ambito testicolare, la ostruzione dei condotti, le patologie della prostata, le alterazioni dell’eiaculazione o erezione e le alterazioni del seme.

Qual è la differenza fra infertilità e sterilità?

Secondo l’Istituto Superiore di Sanità, la sterilità in senso proprio riguarda le coppie affette da una precisa patologia irreversibile o che continuano ad avere problemi di sterilità anche nel momento in cui si siano sottoposti ad iter diagnostico o terapeutico esauriente e svolto in un tempo ragionevole. L’infertilità invece, a differenza della sterilità, impedisce ad una coppia di portare avanti una gravidanza che termini con la nascita di un neonato sano.

Sintomi sterilità maschile

Per avere una idea chiara sula propria fertilità, è estremamente importante rivolgersi ad uno specialista. Solo in questo caso è possibile capire se un sintomo o un mutamento fisico possano essere sinonimi di problemi che possano influenzare la propria fertilità.

Secondo recenti studi, il ritardo nel rivolgersi ad uno specialista rimane uno dei fattori principali dell’aumento di casi di infertilità. Si stima infatti che a livello internazionale solo il 56% delle coppie si rivolgano in maniera tempestiva all’aiuto di uno specialista. In Italia, secondo recenti studi, passano almeno 13 mesi tra la presa di coscienza di un possibile problema di infertilità e la visita da un medico specialista.

Soluzioni per la sterilità maschile

Per alcune cause di infertilità maschile, è possibile intervenire con diagnosi tempestive, cure farmacologiche e terapie. Quando invece abbiamo una situazione di sterilità permanente, non resta che rivolgersi alle tecniche di procreazione medicalmente assistita più sofisticate. In ogni caso, è sempre fondamentale la prevenzione e l’informazione.

Preservazione della fertilità in pazienti maschi con cancro e uomini vasectomizzati.

I trattamenti oncologici sono possibili cause di sterilità. In questo caso il congelamento di un campione di seme è una delle opzioni da perseguire per la protezione della propria fertilità.

IVI offre in forma gratuita la realizzazione del processo di congelamento del seme maschile in modo tale che l’uomo possa avere l’opportunità di essere padre biologico quando la coppia sia pronta. Inoltre, in caso in cui un uomo decida di sottoporsi ad una vasectomia, può congelare un campione del proprio seme prima della realizzazione del processo. In questo modo, se un domani avrà un ripensamento e deciderà di avere un figlio, potrà diventare padre biologico senza alcuna complicazione.

Tecniche di fecondazione assistita

Attualmente il 90% delle coppie che si rivolge alla fecondazione assistita, trova una soluzione al proprio problema. Rivolgersi ad una clinica in cui vengono effettuati trattamenti di procreazione medicalmente assistita (pma) è fondamentale per capire la tipologia di trattamento più efficace da intraprendere.

Numerose sono le tecniche di procreazione assistita che vengono effettuate in casi di problemi di fertilità. Si passa da trattamenti più semplici come l’ inseminazione artificiale, alla fecondazione in vitro, fino ad arrivare alla fecondazione eterologa.

Per capire la tipologia di trattamento più efficace da perseguire, presso le cliniche IVI viene fatta una valutazione della storia clinica del paziente (e della coppia) durante la prima visita e vengono consigliati eventuali esami aggiuntivi. A seguito della valutazione dei risultati, sarà lo specialista stesso a capire e a consigliare il trattamento più idoneo da seguire.

 

 

Richiedi senza impegno maggiori informazioni:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna all'inizioarrow_drop_up