Ottobre 20, 2021

Sistema Witness, massima sicurezza per il tuo trattamento di riproduzione assistita

Sistema Witness
Per il Comitato editoriale Blog IVI

 

Permettere la nascita di un bambino sano e garantire la sicurezza durante tutto il trattamento di riproduzione assistita sono le massime priorità di IVI. La tecnologia ci aiuta a raggiungere qualità ed eccellenza in numerosi aspetti del nostro lavoro, inclusa la tracciabilità del materiale biologico dei nostri pazienti. Witness è il sistema che adottiamo per assicurare ancora più rigore ai controlli nei nostri laboratori, ed evitare che si verifichino errori nell’identificazione dei campioni di ovociti, liquido seminale ed embrioni.

Il sistema di sicurezza Witness

Witness è stato impiegato per contribuire a ridurre al minimo gli errori che potrebbero verificarsi durante i cicli del trattamento di riproduzione assistita. Questo sistema di “testimonianza” elettronica supporta e guida i nostri embriologi nel loro lavoro quotidiano, monitorando il movimento dei campioni da una piastra o da una provetta all’altra all’interno del laboratorio, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Il sistema è automatico e quindi non richiede passaggi aggiuntivi da parte degli embriologi al fine di identificare i campioni. Ciò significa che l’embriologo può dedicare tutta la sua attenzione alla cura dei campioni.

Come funziona il controllo automatico

A ciascun paziente viene assegnata una scheda ID con il proprio codice personale univoco. I tag ID che contengono questo codice personale univoco sono fissati alla struttura in plastica che contiene i campioni dei pazienti. Ogni area del laboratorio rileva i segnali wireless inviati dai tag ID. Questi vengono identificati, tracciati e registrati lungo ciascun passaggio del processo di riproduzione assistita. Witness conferma l’identità dei campioni e consente agli embriologi di procedere con l’inseminazione. Nel caso improbabile in cui i campioni non siano quelli corretti, il sistema allerta l’embriologo, ferma i processi e contribuisce a impedire qualsiasi potenziale errore. Prima di trasferire l’embrione, la scheda ID del paziente viene controllata in modo automatico rispetto alla piastra dell’embrione taggato.

Sicurezza significa tranquillità per i pazienti

Scegliere una clinica in cui è installato Witness permette ai pazienti di sentirsi sempre sicuri del fatto che i campioni verranno gestiti e tracciati nella modalità più sicura possibile. Infatti, con questa tecnologia vengono addirittura superati i requisiti legislativi nazionali, grazie a un sistema che offre il livello massimo di accuratezza per la corretta identificazione e verifica dei campioni. Dotarsi di un sistema del sistema Witness significa mettere al primo posto il paziente, per fornirgli il più alto livello di fiducia e qualità. Prendere tutte le precauzioni possibili per garantire la tranquillità dei nostri pazienti rappresenta infatti un punto fondamentale della nostra filosofia.

IVI: tutta la sicurezza possibile per la realizzazione del vostro sogno

Il protocollo di sicurezza delle cliniche IVI prevede più di 15 misure di sicurezza. Oltre a quelli di base (guanti, mascherine, schermi protettivi, gel idroalcolico), tutti i nostri laboratori adottano, da molti anni, processi necessari a lavorare con agenti infettivi di tipo 2 come il virus zika o l’HIV e, naturalmente, SARS-CoV-2. La sicurezza che adottiamo si esplica anche nei due acronimi SET (trasferimento di un singolo embrione) e PGT (diagnosi genetica pre-impianto). Permettere un tasso di successo uguale o superiore con il trasferimento di un singolo embrione è qualcosa che solo le cliniche più specializzate possono offrire. IVI ha ridotto il tasso di gravidanze gemellari del 75% negli ultimi dieci anni, a causa dei maggiori rischi (come prematurità, basso peso alla nascita, ipertensione) che queste comportano. E l’impegno che abbiamo messo nell’aumentare la sicurezza dei nostri pazienti e dei loro bambini ha fatto sì che le nostre percentuali di successo di SET aumentassero all’84,8% per ciclo nella fecondazione in vitro e all’88,2% nell’ovodonazione. Non possiamo parlare di sicurezza senza citare il test di screening delle malattie monogeniche che applichiamo a tutti i nostri donatori, essenziali per garantire l’assenza di rischio genetico. I nostri centri offrono i migliori indici di esito positivo per pazienti: 9 coppie su 10, dopo essersi affidate ad IVI, sono riuscite a superare i propri problemi e a raggiungere il sogno di diventare genitori.

Richiedi senza impegno maggiori informazioni:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna all'inizioarrow_drop_up